Diciotti, avvocata Borderline Sicilia: "Chiedono supporto psicologico, si sentono in prigione"

"Perché siamo come in prigione?", hanno detto i migranti a Paola Ottaviano, avvocata di Borderline Sicilia salita a bordo della nave Diciotti, da lunedì ferma a Catania con 150 migranti. "Ci hanno chiesto supporto psicologico, non capiscono cosa stia succedendo, dopo tutto quello che hanno vissuto", dice la legale.

 

di Giorgio Ruta

Gli altri video di Cronaca