Separate al Bambino Gesù di Roma due gemelline siamesi unite dalla testa: stanno bene

Stanno bene le due gemelline siamesi centrafricane, Ervina e Prefina, nate unite dalla testa e separate all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. È il primo caso in Italia di intervento riuscito su una coppia di ‘craniopagi totali posteriori’, una tra le più rare e complesse forme di fusione a livello cranico e cerebrale. Posizionate nuca contro nuca, avevano in comune la scatola cranica e gran parte del sistema venoso. La separazione definitiva, il 5 giugno scorso, con un'operazione di 18 ore e l'impegno di oltre 30 tra medici e infermieri. A un mese di distanza le bambine, che hanno appena compiuto 2 anni, sono ricoverate nel reparto di Neurochirurgia dell'Ospedale della Santa Sede in due lettini vicini, insieme alla loro mamma Ermine che ora sogna di farle battezzare da papa Francesco. Carlo Efisio Marras, responsabile di neurochirurgia dell'ospedale: "Non sapevamo quale sarebbe stata la loro reazione a una vita indipendente. Ma è come se non avessero presentito la separazione: giocano, ballano, cantano, fanno le stesse cose che facevano prima"

Video di Cristina Pantaleoni

Gli altri video di Cronaca