Reggio Emilia, gli studenti sospesi per aver occupato la scuola: "Non siamo da rieducare"

REGGIO EMILIA. Gli studenti del Canossa hanno organizzato una conferenza stampa davanti alla loro scuola per spiegare le ragioni dell'occupazione (avvenuta il 3 marzo, durata cinque ore e terminata con una sessione di pulizie) e il motivo per cui hanno rifiutato il percorso con cui l'istituto ha pensato di punirli in alternativa alla sospensione. "Ma noi - spiegano - siamo sospesi da scuola da un anno: perché la didattica a distanza non è scuola".

Gli altri video di Cronaca locale