Reggio Emilia, tenta la rapina e viene incastrato per una telefonata al padre

E' agli arresti domiciliari il 33enne reggiano accusato di tentata rapina aggravata, dopo aver provato a mettere a segno un colpo nella Nuova Tabaccheria edicola di via Bacone 53/A. Ha indossato un passamontagna mimetico con sopra un cappellino blu, apprestandosi ad entrare con una pistola giocattolo. Ma il colpo è fallito perchè  il tabaccaio è uscito brandendo una sbarra di ferro. Il bandito solitario, con problemi di tossicodipendenza, è fuggito a piedi a mani vuote, per poi entrare in una panetteria, chiedendo di fare una telefonata; con il cellulare del fornaio ha chiamato il padre, che è andato a prenderlo in auto con la somma richiesta (700-800 euro), subito consegnata ai fornitori. Quando padre e figlio sono tornati a casa, ad aspettarli c’era le Volanti della polizia, risaliti all’indirizzo grazie al numero rimasto sul cellulare del fornaio.

 

Gli altri video di Cronaca locale