New York, Weinstein colpevole di violenza sessuale e stupro: l'ex produttore in tribunale col deambulatore

Dopo 26 ore e mezzo i giurati del tribunale penale di Manhattan hanno raggiunto il verdetto nel processo iniziato a gennaio contro Harvey Weinstein: l'ex produttore cinematografico è stato dichiarato colpevole di violenza sessuale di primo grado nei confronti dell'ex assistente di produzione Miriam Haley e di stupro di terzo grado nei confronti di Jessica Mann. In base alla decisione della New York State Supreme Court, Weinstein, 67 anni, rischia una condanna che può variare dai 5 ai 25 anni di carcere per quanto riguarda il crimine sessuale di primo grado, sesso orale con la sua ex assistente, e fino a quattro anni di carcere per il reato di stupro. Subito dopo la lettura del verdetto di condanna, il giudice del tribunale newyorkese ha ordinato la detenzione di Weinstein senza possibilità di cauzione. L'avvocato Donna Rotunno ha così chiesto gli arresti domiciliari per il 67enne ex produttore cinematografico, citando "lettere dei medici" curanti ed il fatto "che non è stato condannato per le accuse più gravi". Ma il giudice non ha accolto la richiesta e Weinstein è stato ammanettato in aula. Il giudice ha detto che trasferirà alle autorità carcerarie la richiesta di tenere il detenuto in infermeria fino alla sentenza, fissata per l'11 marzo scorso, in cui verrà annunciata la decisione del giudice sulla pena.

Gli altri video di Mondo