Addio a Flavio Bucci, Bracconi: "L'ultimo incontro? Viveva solo, povero e fiero del suo teatro"

"Viveva solo, in una casa famiglia sul litorale romano tra Maccarese e Fregene, con qualche problema di alcol dopo molti problemi di droga. Cercavo di capire che fine avesse fatto il 'Ligabue' che avevamo tanto amato. C'era lo sconcerto di incontrare un uomo in condizioni difficili, claudicante, con la barba lunga e in una situazione di semipovertà e disagio sociale. Ma anche un uomo forte, coraggioso e particolarmente determinato nel difendere la propria vita". Così Marco Bracocni racconta l'ultima intervista con Flavio Bucci registrata per Robinson nell'ottobre del 2017. "Ligabue per lui era un cliché - ricorda -, si rendeva conto di aver avuto il grande successo attraverso quello sceneggiato televisivo, ma non voleva essere ricondotto solo a questo. Era molto fiero dei suoi lavori teatrali, in particolare di Diario di un pazzo di Gogol.
 
a cura di Valeria D'Angelo e Giulia Santerini

Gli altri video di Spettacoli